CoolDent.it
#SorridiDiSalute

INFO & CONTATTI:

Cell: +39 3294957669
Cell: +39 3405661564
Email: info@cooldent.it

CoolDent
di Dr. Leo Francesco

Cooldent - Italia
Trovaci su Google Maps

Blog

Notizie dal mondo dell'Odontoiatria, consigli per vivere meglio e ritornare a sorridere.

160 Paesi impegnati nella lotta contro il mercurio
Bocca & Salute
Ginevra - La prima riunione della cd. “Conference of the Parties” (COP) della Convenzione Minamata sul mercurio si è tenuta a fine settembre al ...
Leggi tutto
Allineatori trasparenti: la soluzione moderna per ...
Terapie
Chi ha portato un apparecchio ortodontico durante l’adolescenza avrebbe sognato ad occhi aperti una soluzione per sorridere liberamente senza ...
Leggi tutto
Anche nella preistoria si andava dal dentista
Bocca & Salute
Una scoperta avvenuta nella Lucchesia ha messo in evidenza un nuovo punto in comuni tra l'uomo contemporaneo e i suoi più lontani antenati: dal ...
Leggi tutto
Benefici e sicurezza dei dentifrici a base di ...
Bocca & Salute
Baltimora (Usa): Grazie alla promessa di denti più bianchi e puliti, i prodotti per l’igiene orale a base di carbone sono recentemente cresciuti ...
Leggi tutto
Cancro della lingua: nuove scoperte per la ...
Bocca & Salute
Cleveland. Le nuove scoperte di un team di ricerca statunitense su batteri e funghi potrebbero aprire la strada allo sviluppo di un test ...
Leggi tutto
Chi dice che i denti del giudizio non servono a ...
Bocca & Salute
Las Vegas: Poche scoperte sono così cariche di promesse in singole applicazioni mediche come lasciano invece intravvedere le cellule staminali. La ...
Leggi tutto
Chirurgia Orale
Terapie
  La bocca è sede di numerose condizioni che richiedono come terapia elettiva una procedura chirurgica. Partendo dalla semplice avulsione ...
Leggi tutto
Cinema e Sigarette
Ritorna a Sorridere
Smettere di fumare Smettere di fumare senza sofferenza è possibile. Che cosa ci impedisce di farlo?La dipendenza? No, non è questo il vero ...
Leggi tutto
Come faccio a prevenire una carie?
Consigli odontoiatrici
Ci sono molte cose che puoi fare per prevenire la formazione della carie.           Spazzola i denti due volte al ...
Leggi tutto
Cosa succede se non laviamo i denti per molto ...
Consigli odontoiatrici
Spazzolarsi i denti è una delle abitudini igieniche che chiunque dovrebbe rispettare tutti i giorni, senza nessuna scusa. Da sempre, si consiglia ...
Leggi tutto
Datemi un martello!
Consigli odontoiatrici
Datemi un martello! Che cosa ci vuoi fare? Oggi voglio parlarvi dell'ipersensibilità dentinale. Sono certo che come alcuni dei miei pazienti, molti ...
Leggi tutto
Denti bianchi?
Consigli odontoiatrici
Negli ultimi anni noto una maggiore attenzione dei pazienti nei confronti non solo del  proprio sorriso ma anche di quello altrui. La richiesta più ...
Leggi tutto

Chi dice che i denti del giudizio non servono a nulla?

Scritto da 

Las Vegas: Poche scoperte sono così cariche di promesse in singole applicazioni mediche come lasciano invece intravvedere le cellule staminali. La ricerca ha sviluppato ora un nuovo metodo per estrarre la polpa dalla radice dei denti che quadruplica il numero di cellule da coltivare e replicare per vari trattamenti.

Con una miracolosa capacità di trasformarsi? ricreandosi o modificandosi in vari tipi di cellula presenti negli organismi da cui provengono? Le cellule staminali danno all’umanità la speranza di nuove e più efficaci terapie contro varie malattie croniche e terminali ed è anche facile reperirle.
«Le cellule staminali possono essere estratte da quasi tutti i tessuti viventi» dichiara James Mah, Direttore del Programma di Formazione avanzata in Ortodonzia dell’Università del Nevada (UNLV, Las Vegas), «In realtà si possono anche reperire nei tessuti dei defunti». Ma c’è un ma… «Le maggiori difficoltà poste dalle cellule staminali? osserva? è raccoglierne un numero sufficiente per lavorarci e tenerle vitali finché se ne ha bisogno».

Insieme a Karl Kingsley, Direttore della Ricerca studentesca alla UNLV e ad alcuni studenti di odontoiatria, Mah ha deciso di affrontare la sfida, sviluppando di conseguenza un nuovo metodo per estrarre da una fonte inaspettatamente abbondante come i terzi molari, un gran numero di cellule da conservare: «Sempre più adulti, più o meno 5 milioni in tutto il paese, subiscono l’estrazione dei denti del giudizio o terzi molari» osserva Kingsley. «L’estrazione è relativamente comune fra pazienti che si sottopongono a cure ortodontiche. Ma la maggior parte di questi denti è sana e contiene una polpa radicale vitale che offre opportunità per riprodurre cellule danneggiate o distrutte da traumi o malattie».

Avendo risolto il problema di rifornimento grazie alla polpa radicale, i ricercatori hanno cercato di determinare quante cellule staminali vitali si potessero recuperare dai denti fratturati. A questo fine Mah e Kingsley hanno colorato 31 campioni di radici di denti fratturati per evidenziare le cellule staminali contenute. Quelle morte sarebbero diventate blu quando esposte al colorante e le vitali invece sarebbero apparse di colore chiaro. Al microscopio l’80 percento delle cellule estratte sono rimaste tali dopo l’introduzione del colorante. Secondo Mah, il recupero medio con i comuni metodi estrattivi (come frantumazione e la trapanatura) si aggira sul 20 percento.

«Affermare che i risultati del test siano promettenti è una minimizzazione grossolana» dice «Ci siamo resi conto di aver inventato un tipo di estrazione tanto efficace da produrre un recupero quadruplo di cellule staminali vitali. A questo punto le applicazioni potenziali sono letteralmente enormi». Successivamente il gruppo ha isolato le cellule staminali dal resto della polpa dentale. Dopo averle raccolte le hanno coltivate sulla “piastra di Petri”. Una volta che le cellule l’hanno coperta hanno diviso la coltura a metà e ripetuto il processo tra le dieci e le venti volte. Le cellule normali all’interno del corpo di solito muoiono dopo dieci repliche o passaggi, mentre le staminali possono replicare infinitamente, secondo Kingsley.

Verso la fine della coltura, tutte le cellule non staminali erano morte. Kingsley ha raccolto le restanti staminali, preso il loro RNA (acido ribonucleico), convertendolo in proteine diventate biomarcatori che il team ha utilizzato per caratterizzare ciascun tipo di cellula staminale e il relativo tasso di riproduzione. Il successivo passaggio logico in questa ricerca sarebbe metterle alla prova sull’uomo in patologie croniche tipo Alzheimer e Parkinson.

Compito del team di ricerca sarà raccogliere e conservarle in maniera affidabile in modo da poterle utilizzare quando necessario. «Il lavoro che Kingsley e io stiamo facendo fa parte di una disegno più ampio? dice Mah? Il nostro procedimento di scissione potrebbe infatti accelerare sia la raccolta sia il trattamento criogenetico, conservando in tal modo un elevato numero di cellule staminali che possa incrementare la ricerca sul come il loro utilizzo sia in grado di curare e guarire malattie».

Nota editoriale: Questo studio è stato pubblicato in anteprima sull’edizione 2017 della rivista “UNLV Innovation”.

 

fonte: dental-tribune.com

 

Letto 365 volte

Cerca Articoli

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Rimaniamo in Contatto!

Inserisci la tua E-Mail per avere costanti informazioni sul mondo CoolDent!
siamo molto discreti, non ti invieremo SPAM (posta indesiderata).
Please wait