CoolDent.it
#SorridiDiSalute

INFO & CONTATTI:

Cell: +39 3294957669
Cell: +39 3405661564
Email: info@cooldent.it

CoolDent
di Dr. Leo Francesco

Cooldent - Italia
Trovaci su Google Maps

Blog

Notizie dal mondo dell'Odontoiatria, consigli per vivere meglio e ritornare a sorridere.

160 Paesi impegnati nella lotta contro il mercurio
Bocca & Salute
Ginevra - La prima riunione della cd. “Conference of the Parties” (COP) della Convenzione Minamata sul mercurio si è tenuta a fine settembre al ...
Leggi tutto
Allineatori trasparenti: la soluzione moderna per ...
Terapie
Chi ha portato un apparecchio ortodontico durante l’adolescenza avrebbe sognato ad occhi aperti una soluzione per sorridere liberamente senza ...
Leggi tutto
Anche nella preistoria si andava dal dentista
Bocca & Salute
Una scoperta avvenuta nella Lucchesia ha messo in evidenza un nuovo punto in comuni tra l'uomo contemporaneo e i suoi più lontani antenati: dal ...
Leggi tutto
Benefici e sicurezza dei dentifrici a base di ...
Bocca & Salute
Baltimora (Usa): Grazie alla promessa di denti più bianchi e puliti, i prodotti per l’igiene orale a base di carbone sono recentemente cresciuti ...
Leggi tutto
Cancro della lingua: nuove scoperte per la ...
Bocca & Salute
Cleveland. Le nuove scoperte di un team di ricerca statunitense su batteri e funghi potrebbero aprire la strada allo sviluppo di un test ...
Leggi tutto
Chi dice che i denti del giudizio non servono a ...
Bocca & Salute
Las Vegas: Poche scoperte sono così cariche di promesse in singole applicazioni mediche come lasciano invece intravvedere le cellule staminali. La ...
Leggi tutto
Chirurgia Orale
Terapie
  La bocca è sede di numerose condizioni che richiedono come terapia elettiva una procedura chirurgica. Partendo dalla semplice avulsione ...
Leggi tutto
Cinema e Sigarette
Ritorna a Sorridere
Smettere di fumare Smettere di fumare senza sofferenza è possibile. Che cosa ci impedisce di farlo?La dipendenza? No, non è questo il vero ...
Leggi tutto
Come faccio a prevenire una carie?
Consigli odontoiatrici
Ci sono molte cose che puoi fare per prevenire la formazione della carie.           Spazzola i denti due volte al ...
Leggi tutto
Cosa succede se non laviamo i denti per molto ...
Consigli odontoiatrici
Spazzolarsi i denti è una delle abitudini igieniche che chiunque dovrebbe rispettare tutti i giorni, senza nessuna scusa. Da sempre, si consiglia ...
Leggi tutto
Datemi un martello!
Consigli odontoiatrici
Datemi un martello! Che cosa ci vuoi fare? Oggi voglio parlarvi dell'ipersensibilità dentinale. Sono certo che come alcuni dei miei pazienti, molti ...
Leggi tutto
Denti bianchi?
Consigli odontoiatrici
Negli ultimi anni noto una maggiore attenzione dei pazienti nei confronti non solo del  proprio sorriso ma anche di quello altrui. La richiesta più ...
Leggi tutto

Un preparato dalle varie applicazioni anche odontoiatriche

Scritto da 
Un preparato dalle varie applicazioni anche odontoiatriche Shutterstock

Il CGF (Concentrate Growth Factors) è un preparato piastrinico appartenete alla famiglia dei PRF, ovvero i preparati piastrinici a matrice “solida” che concentra in un piccolo volume costituito da una densa rete di fibrina, alcuni fattori di crescita, piastrine e leucociti. Negli anni recenti il CGF ha avuto diverse applicazioni sia in modelli sperimentali animali sia in ambito clinico odontoiatrico, chirurgico e ortopedico; in questa breve trattazione tuttavia ci focalizzeremo sugli aspetti biologici del preparato.

Il CGF è ottenuto dal sangue venoso periferico attraverso uno specifico protocollo di preparazione. Tramite un semplice prelievo venoso, viene raccolto in una provetta di vetro da 9 ml. Le provette (generalmente 4) vengono sottoposte a un particolare protocollo di centrifugazione tramite uno specifico rotore. Dopo la centrifugazione si osserva una stratificazione del prodotto: uno strato superiore, che rappresenta la fase liquida del plasma, denominata plasma povero di piastrine (PPP - Platelet Poor Plasma); uno strato inferiore, costituito principalmente da eritrociti (RBC - Red Blood Cells); uno strato intermedio, denso e gelatinoso, che rappresenta il CGF vero e proprio e che grazie alla sua densità può svolgere la funzione di scaffold.

Il CGF e l’RBC che è in continuità con esso, vengono facilmente estratti dalla provetta utilizzando una pinzetta, o meglio rovesciando la provetta su un apposito cestello e quindi separati all’inizio della parte rossa. Nel CGF così isolato si possono così riconoscere tre parti: una parte bianca, di colore giallo paglierino; una rossa che rappresenta la parte superiore dell’RBC. Quella bianca del CGF è costituita da una rete di fibrina contenente plasma, il quale, se il preparato viene disteso su una superficie, tende spontaneamente a fuoriuscire. La parte rossa del CGF è costituita principalmente da eritrociti. Nell’interfaccia, ritroviamo numerose piastrine e diversi leucociti.

Le piastrine sono le principali responsabili del rilascio di fattori di crescita. Queste molecole vengono infatti liberate prevalentemente a seguito dell’attivazione e della conseguente degranulazione piastrinica. Ne sono esempi il fattore di crescita derivato dalle piastrine (PDGF), quello dell’endotelio vascolare (VEGF), il fattore di crescita insulino-simile (IGF), quello di crescita trasformante (TGF), il fattore di necrosi tumorale (TNF), quello di crescita cerebrale (BDNF) e le proteine morfogenetiche dell’osso (BMP).

Alcuni di essi, come TNF-α e BDNF, hanno un rilascio rapido e raggiungono il massimo accumulo già dopo un giorno; altri, come VEGF e BMP-2, ne hanno uno più lento e raggiungono il massimo accumulo dopo 6-8 giorni; altri ancora, come PGF-AB, TGF-β1 e IGF-1 hanno un rilascio apparentemente costante. Questo fatto è probabilmente dovuto sia una diversa quantità di fattori di crescita presente negli alfa-granuli sia ad un diverso accumulo di mRNA nelle piastrine responsabile della sintesi di crescita fino a oltre 7 giorni dopo l’attivazione. Il rilascio di alcuni fattori di crescita quali le BMP sembra inoltre essere influenzato dalla presenza contemporanea di biomateriali quali il fosfato tricalcico.

L’utilizzo del CGF in un sistema in vitro di colture cellulari umane ha evidenziato una positiva influenza sull’attivazione cellulare atta a promuovere la proliferazione di fibroblasti, osteoblasti e cellule endoteliali paragonabili alle condizioni ottimali di coltura con il medium ad hoc. Recenti nostri studi evidenziano inoltre un effetto sinergico positivo del CGF e dell’acido ortosilicico aggiunto alla coltura cellulare.
Il CGF possiede dimostrate proprietà biologiche in vitro; è tuttavia un prodotto molto complesso dove le variabili in gioco sono numerose coinvolgendo sia altri aspetti del preparato oltre alle piastrine, sia per le sue interazioni con altri biomateriali e con molecole esogene.

 

fonte: dental-tribune.com

 

Letto 108 volte

Cerca Articoli

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Rimaniamo in Contatto!

Inserisci la tua E-Mail per avere costanti informazioni sul mondo CoolDent!
siamo molto discreti, non ti invieremo SPAM (posta indesiderata).
Please wait